[VIDEOGIOCHI] E3 2013 – Conferenza Microsoft

Microsoft logoFinalmente ci siamo. E’ iniziata già da qualche giorno l’Electronic Entertainment Expo, per gli amici E3, e i videogiocatori di tutto il mondo si sono risvegliati dal loro torpore e hanno teso occhi e orecchie, smaniosi di carpire tutte le più succulente novità del panorama videoludico. Come da tradizione, la fiera vera e propria è stata preceduta da una giornata dedicata alle conferenze, in cui i principali publisher hanno presentato al pubblico i propri pezzi da novanta e i loro progetti per il futuro.
Naturalmente io non potevo esimermi dal seguire le suddette conferenze e ora eccomi qui a presentarvi un mio veloce parere su ognuna di esse e sugli annunci che più mi hanno colpito.
Ah, ci tengo a precisare che sono state tutte conferenze lunghe e fitte di roba, quindi non aspettatevi resoconti dettagliati per filo e per segno. In questo articolo e in quelli che seguiranno mi soffermerò più che altro sugli annunci che più mi hanno colpito o interessato.
Bene. Come da titolo, partiamno con la conferenza Microsoft.

Dopo l’imbarazzante evento di presentazione di Xbox One tenutosi qualche settimana fa, personalmente nutrivo scarse speranze per questa conferenza. Invece sono costretto ad ammettere che mi sono dovuto ricredere. Essenzialmente si sono resi conto che incentrare una conferenza unicamente su “tv, tv, tv, television, tv, sport, sport, Call of Duty” era una boiata immane e di conseguenza a ‘sto giro hanno pensato bene di parlare quasi esclusivamente di giochi.
Si inizia col botto, con l’annuncio, da parte dello stesso Hideo Kojima (apprezzabile tra l’altro il suo sforzo per parlare in inglese), dell’uscita di Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain anche su Xbox One. Ammetto che di questa serie ho potuto giocare solo il secondo capitolo (e l’ho adorato), quindi non sono la persona più competente per parlarne, comunque dal filmato che hanno mostrato mi è sembrato davvero figo. Sicuramente lo terrò d’occhio.

Sono passati poi a parlare velocemente di alcuni giochi di prossima uscita per Xbox 360 (la maggior parte dei quali già noti da tempo), giusto per ricordare a tutti che non si sono scordati della loro console attuale. Nulla di eclatante, comunque.
E poi, finalmente, si è passati alle cose davvero interessanti: le esclusive. Ne hanno mostrate circa una quindicina. Io vi parlerò solo di quelle che mi hanno colpito maggiormente, sennò non finiamo più.
In primo luogo Ryse: Son of Rome, un action sviluppato da Crytek, ambientato nell’epoca dell’Impero Romano, pesantemente incentrato sui quick time event, che sembra fare il verso a God of War. Devo dire che mi ha fatto una buona impressione. Da quello che si è visto mi pare che presenti alcune meccaniche di gioco potenzialmente interessanti e la sensazione di trovarsi nel bel mezzo di una battaglia mi è sembrata ben riprodotta. Oltre a ciò sembra essere infarcito da una discreta dose di sangue e squartamenti, che non fanno mai male.
Pare inoltre che inizialmente Ryse dovesse essere un gioco per Kinect e alcuni hanno storto il naso di fronte a un tale repentino cambio di direzione, da gioco Kinect a gioco tradizionale. Per come la vedo io, tanto di guadagnato .

Ma direi di passare ora all’annuncio che più di tutti mi ha fatto godere. Dunque, parte un filmato. Un misterioso viandante coperto interamente di stracci cammina nel deserto. A un certo punto si apre una voragine e ne esce un’enorme creatura dall’aria poco amichevole. il vento fa abbassare il cappuccio del tizio, il quale si rivela essere… Master Chief! A questo punto credo che il mio cuore si sia fermato per qualche secondo. Ebbene si, il quinto capitolo di Halo è stato annunciato ufficialmente su Xbox One.
Ok, voi potreste dire che Halo è diventato una commercialata, che ne esce uno all’anno eccetera eccetera… Tutto ciò è verissimo, sacrosanto e lo condivido ma francamente non me ne frega un accidente! Come ho già detto nell’articolo sul reveal di Xbox One, quando si parla di Halo io perdo completamente il lume della ragione e ogni obiettività. Potrebbero anche propinarmi un tostapane marchiato Halo e io lo comprerei a occhi chiusi.
Alla luce di ciò, capirete il mio entusiasmo alla notizia che è in sviluppo un nuovo episodio della serie.

Vorrei ora soffermarmi su Quantum Break, il nuovo titolo Remedy, già annunciato durante il reveal di Xbox One. Già in quell’occasione ero rimasto molto intrigato da questo progetto e dopo aver assistito a questa presentazione il mio hype è salito notevolmente. I ragazzi di Remedy si sono sempre distinti sul fronte narrativo e, a giudicare dal brevissimo filmato in-game mostrato, pare che questo gioco non faccia eccezione. Inoltre apprezzo in modo particolare il fatto che sarà strutturato come una serie televisiva, similmente a quanto visto in Alan Wake. E’ vero che del gameplay vero e proprio non si è visto ancora nulla, però per il momento io sono molto fiducioso e non vedo l’ora di avere qualche informazione in più in merito.

E’ stato poi finalmente svelato il nuovo titolo Rare, sul quale aleggiava un velo di mistero da diverso tempo. Si tratta di un nuovo capitolo (reboot?) di Killer Instinct. Personalmente non sono un accanito appassionato di picchiaduro (mi sarebbe piaciuto piuttosto un nuovo episodio di Kameo o Perfect Dark) ma comunque è senz’altro un annuncio degno di nota, che farà la felicità di tutti i fan di vecchia data.

Ampio spazio è stato poi dedicato alle presentazioni di Battlefield 4 e Titanfall, nuovo FPS futuristico dei Respawn Studios. Le mie considerazioni sono simili per entrambi. Molto belli da vedere, in particolare Battlefield 4 sembra avere una resa grafica sbalorditiva. Tutti e due sembrano godere di un comparto multiplayer curatissimo e molto coinvolgente. Interessante in Titanfall la possibilità di guidare i mech. Tuttavia, considerando anche che a me del multiplayer non è che interessi più di tanto, non mi hanno entusiasmato particolarmente. O meglio, belli ma, a mio parere, non troppo dissimili dalle migliaia di FPS bellici che già affollano gli scaffali dei negozi.

Da segnalare inoltre The Witcher 3: Wild Hunt, che per la prima volta si è mostrato in azione. Ecco, questo sembra veramente figo. Sia come gioco in sè, sia dal punto di vista grafico, semplicemente favoloso. Mi pento amaramente di non aver ancora avuto modo di giocare i primi due.

Infine hanno dichiarato che la nuova console Microsoft arriverà nei negozi entro fine anno (novembre probabilmente) e si sono sddirittura sbilanciati sul prezzo. Infatti Xbox One costerà, per il mercato europeo, l’irrisoria cifra di 499€ (WTF!!!).
Si, lo so, è una mazzata non da poco, specie se consideriamo che PS4 verrà venduta a 100€ in meno.

Va bene ragazzuoli, direi di chiudere qui. Lo so che ci sono stati molti altri annunci, come Project Spark o la versione Xbox One di Minecraft, però quelli di cui vi ho parlato sono i titoli che personalmente ritengo più degni di nota e a cui ho preferito dare priorità.
Come giudizio conclusivo direi che è stata una conferenza più che soddisfacente e ricca di emozioni, che secondo me è riuscita a riscattare in parte Microsoft dalla figura barbina di un paio di settimane fa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...