[SERIE TV] Marvel’s Daredevil – Stagione 2

Daredevil_season_2Era l’Aprile del 2015. La Marvel, a dispetto del suo dominio cinematografico, stava inanellando un fiasco dietro l’altro sul fronte delle produzioni televisive con il pacchiano Agents of SHIELD prima e con l’insipido Agent Carter dopo. Fu in questo clima di generale sconforto che sulla piattaforma di streaming Netflix, come una figura messianica venuta per rispondere alle preghiere dei nerd di tutto il mondo, fece la sua comparsa la prima stagione di Daredevil. Tredici episodi che rappresentano a mio parere l’assoluto apice mai raggiunto fino ad oggi da un prodotto supereroistico per il piccolo schermo. E’ passato un anno e la Marvel tenta di ripetere il miracolo con la seconda stagione. Saranno riusciti a rispettare le elevatissime aspettative che accompagnavano il ritorno del Diavolo di Hell’s Kitchen?

Mettiamolo subito in chiaro: questa seconda stagione mi è piaciuta. Senza dubbio sono rimasto soddisfatto. Tuttavia devo altresì ammettere che l’ho trovata di parecchio inferiore rispetto alla prima. Ma andiamo con ordine.

La prima metà della stagione è sicuramente la più riuscita. Infatti tutta la storia di The Punisher, che passa fluidamente dalla crime story al legal drama, è molto interessante e sviluppata secondo me in maniera quasi impeccabile dal punto di vista della sceneggiatura, con un ritmo lento ma costante che riesce ad ammantare di pathos la vicenda. Inoltre il personaggio stesso di Frank Castle è estremamente convincente, grazie ad un’ottima scrittura, che ne mette in evidenza la psicologia complessa e le motivazioni, e all’interpretazione a dir poco strepitosa dell’attore Jon Bernthal, che riesce davvero a fare suo il personaggio.
Insomma, la prima metà di questa seconda stagione mi è piaciuta parecchio.

9f2a8c22bb0e643d812e3e4c868e167c-970-80daredevil-the-punisher-season-2-e1456280799832

Poi però ci si addentra nella seconda metà e qui le cose iniziano a traballare un po’.
Prima di tutto abbiamo l’entrata in scena della seconda new entry di rilievo: Elektra. Ecco, al contrario del buon Frank, lei non mi ha convinto al cento per cento. Anzi, detto francamente è un personaggio che mi è stato abbastanza sulle scatole fin da subito. Trovo che abbia una caratterizzazione un pochino scialba e superficiale. E poi ha sempre quell’aria da smorfiosetta irritante. Per carità, l’attrice Élodie Yung è stata molto brava però in generale… bah, non mi ha fatto impazzire.

Poi fanno la loro comparsa i main villain della stagione: l’organizzazione criminale segreta di ninja nota come la Mano. Intendiamoci, di per sè la Mano non ha nulla che non vada come antagonista per il nostro eroe. Il problema risiede nel confronto con ciò che l’ha preceduta. Infatti sarete tutti d’accordo con me quando dico che la Mano non ha UN BRICIOLO del carisma che aveva Wilson Fisk nella prima stagione. Al confronto con quello che non ho paura di definire il miglior cattivo mai apparso in un prodotto supereroistico a memoria d’uomo, questa anonima società segreta senza volto risulta essere… bè, anonima. Si d’accordo, c’è Nobu. Ma suvvia, lui ha la presenza scenica di un salmone.

Di pari passo con l’entrata in scena della Mano abbiamo poi l’introduzione nella serie di quello che è l’elemento esoterico. Ora, io non contesto la scelta di inserire il soprannaturale in Daredevil. Dopotutto sono perfettamente conscio che è parte integrante anche della serie a fumetti. Quello che mi ha fatto un po’ storcere il naso è che da questo momento la trama inizia secondo me a diventare confusionaria e anche un po’ pretenziosa. Insomma, ho avuto l’impressione che la smania di cimentarsi con questo tipo di tematiche abbia fatto un po’ perdere di vista agli autori quella direzione chiara e definita che caratterizza la prima metà della stagione.

Daredevil-Season-2-Trailer-2Screen-Shot-2016-02-26-at-10.51.09-AM

C’è poi un’altra cosa che mi ha fatto leggermente pesare la visione di questa seconda stagione. Non so se ve ne siete accorti ma sono diventati tutti quanti logorroici al limite della sopportazione. Miei dei, quanto cavolo parlano! L’esempio più lampante che mi viene in mente è il dialogo/monologo di The Punisher alla fine del quarto episodio. E’ indubbiamente un discorso profondo e pregno di carica emotiva, però è esageratamente lungo. A lungo andare risultava tedioso, più che toccante. E’ vero che i dialoghi erano preponderanti anche nella prima stagione, però lì si mantenevano entro i limiti della decenza. Qui invece sono spesso e volentieri responsabili di repentini colpi di sonno.

Ma torniamo a parlare di quel gran simpaticone di Fisk. Uno dei miei maggiori dubbi riguardava proprio lui. Mi chiedevo se sarebbero stati tanto magnanimi da farcelo vedere, anche solo per un cameo. Ebbene, lo sono stati. Compare solo in due o tre episodi ma, qualora ci fossero ancora dubbi, si riconferma come il miglior personaggio e la più grande risorsa dell’intera serie. Tutte le scene che lo vedono protagonista sono a mani basse tra le migliori di tutta la stagione. Vincent D’Onofrio ha un carisma e una presenza scenica da far paura e la sua interpretazione rimane agli stessi altissimi livelli della prima stagione. Anzi, forse anche di più, data la nuova veste in cui lo troviamo. Spero con tutta l’anima che lo facciano presto ritornare al ruolo che più gli si addice, quello di antagonista principale, perchè un personaggio di tale spessore non merita niente di meno. Magari già dalla prossima stagione.

Daredevil-647527Screen-Shot-2016-03-19-at-9.43.56-AM

E dunque, cosa possiamo dire in conclusione? La mia modesta opinione è che, mentre la prima stagione di Daredevil era pressochè perfetta in ogni suo aspetto, questa seconda si presenta in modo un po’ più altalenante. Rimane un ottimo prodotto, su questo non ci piove, ed è comunque diverse spanne sopra a quel pastrocchio di Jessica Jones. Tuttavia ai pregi si contrappongono altrettanti difetti che non le permettono di assurgere al medesimo rango di capolavoro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Serie TV e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...