[SERIE TV] DC’s Legends of Tomorrow – Stagione 1

legendsEccoci qua, finalmente. La prima stagione di Legends of Tomorrow, nuovissima serie targata DC Comics in onda sulla The CW, che riunisce sotto un’unica egida vari comprimari delle altre due serie supereroistiche Arrow e The Flash, si è conclusa qualche giorno fa e io non vedevo l’ora di poter rigurgitare tutti i miei pensieri e le mie considerazioni su di essa in un bell’articolo. Si perchè dovete sapere che questa serie mi è piaciuta veramente -ma VERAMENTE- un fottio. L’ho adorata a dei livelli che non avete idea. Se non aborrissi i voti numerici credo che le darei qualcosa come 9/10. Aveva tutte le carte in regola per essere una vaccata e invece, per la miseria, hanno fatto centro. Ma procediamo con ordine.
Ah, cercherò di evitare il più possibile gli spoiler ma qualcuno lo farò per forza, al fine di dare maggior completezza al mio discorso. Mi premurerò di segnalarli chiaramente ma comunque siete avvertiti.

Nel 2166 il mondo è stato soggiogato da un tiranno immortale chiamato Vandal Savage. Rip Hunter, un membro dei Time Masters, individui dediti alla salvaguardia della linea temporale, dopo aver perso la moglie e il figlio per mano del criminale, decide di tornare indietro nel tempo, alla ricerca di persone con capacità eccezionali che possano aiutarlo a fermare Savage prima che possa realizzare i suoi piani di conquista globale. Riunisce quindi un gruppetto di eroi (e criminali) formato da Ray Palmer (aka Atom), Sara Lance (aka White Canary), Carter Hall (aka Hawkman), Kendra Saunders (aka Hawkgirl), Jefferson Jackson e il professor Martin Stein (aka Firestorm), Leonard Snart (aka Capitan Cold) e Mick Rory (aka Heatwawe), i quali, dopo iniziali titubanze, acconsentono a seguirlo nella sua impresa.

Ma che cos’è Legends of Tomorrow? In poche parole è Doctor Who con i supereroi. Solo questo dovrebbe bastare a darvi un’idea dell’epicità di questa serie. E lo è, epica. Come ho detto all’inizio mi è piaciuta tantissimo e la ritengo la miglior serie tv sui personaggi DC, a parimerito con The Flash.
Tuttavia devo riconoscere che per essere apprezzata appieno va approcciata nel modo giusto. Infatti Legends of Tomorrow è un telefilm molto, mooolto, MOOOLTO fumettoso. Anzi, direi che tra tutte le serie DC attualmente in onda è la più comicbooky in assoluto. Questo vuol dire che spesso e volentieri tende a sacrificare cose come la coerenza narrativa, l’approfondimento dei personaggi o la plausibilità degli avvenimenti in favore di una messa in scena pomposa, scene d’azione dinamiche e caciarone, effetti speciali sparati a mille, e poi botte, esplosioni, inseguimenti nell’iperspazio, botte, raggi laser che volano di qua e di là, ancora botte. Questo, senza giri di parole, rende il tutto una tamarrata. Un’enorme, chiassosa, opulenta, bellissima tamarrata.
Se uno riesce ad entrare in questo ordine di idee e a prendere la serie per quello che è, allora si ritroverà davanti sedici puntate di pura libidine. Se, al contrario, si aspetta qualcosa di un po’ più introspettivo e ragionato, meglio che volga la sua attenzione altrove.

Ora, sia chiaro, non sto dicendo che la qualità si mantenga costante in tutti gli episodi. Anzi, ammetto che ce ne sono alcuni decisamente meno memorabili o che mi hanno lasciato un po’ più freddino. Però in generale, tenendo sempre presente che la serie ha di base un tono estremamente leggero e gigione, trovo che gli autori abbiano fatto un ottimo lavoro nel gestire la trama generale, che si dipana episodio dopo episodio tra salti temporali e timeline alternative, ponendo, come detto, particolare enfasi sulla componente action ma senza farla mai risultare troppo pesante e impreziosendo il tutto con qualche bel colpo di scena.
Anche dal punto di vista puramente visivo Legends of Tomorrow è sbalorditivo. Prima di tutto, i continui balzi tra epoche diverse garantiscono una grande varietà di ambientazioni che spaziano dal Far West ad asettiche cittadine futuristiche a stazioni spaziali e via dicendo. Questo si traduce in scenografie sempre diverse e molto suggestive. Poi i già citati effetti speciali sono secondo me davvero ottimi. Certo, si tratta pur sempre di una serie tv dal budget limitato ma da questo punto di vista trovo sia stato fatto un lavoro pregevole. Soprattutto se ripenso agli effetti speciali utilizzati in Supergirl, che -miei dei!- mi danno i brividi ancora adesso.

legends_of_tomorrow_vandal-savage_pointofgeeks960

Ma direi ora di passare ad esaminare i personaggi. Bene, qui sorge uno dei principali problemi di LoT: hanno tutti la profondità di una pozzanghera. Questo non vuol dire che non siano accattivanti. Lo sono, per la maggior parte. E’ solo che risultano essere più che altro delle macchiette, che funzionano nell’economia della serie ma la cui caratterizzazione rimane sempre su un livello estremamente superficiale. Per carità, è anche comprensibile, dato che, dovendo gestire un cast tanto vasto, manca il tempo materiale per approfondire a dovere ogni singolo character.

Entrando nello specifico, abbiamo prima di tutto il capitano Rip Hunter, interpretato da Arthur Darvill. Lui non mi ha fatto nè caldo nè freddo, onestamente. E’ un personaggio assolutamente -come dire- neutro. E’ spinto dal desiderio di vendetta per la morte della sua famiglia e stop. Nessuna caratterizzazione aggiuntiva, nessun particolare tratto di personalità.

Kendra e Carter, portati sullo schermo rispettivamente da Ciara Renée e Falk Hentschel. Probabilmente i personaggi peggiori di tutta la stagione. A parte che il secondo non lo vediamo nemmeno per la maggior parte del tempo, sono entrambi espressivi come tamburi, trasmettono l’emotività di un barattolo di cetrioli e risultano in generale abbastanza irritanti. Meno male che non torneranno per la prossima stagione.

Abbiamo poi Ray Palmer interpretato da Brandon Routh, il Superman di singeriana memoria. Di nuovo, l’approfondimento psicologico è quello di un merluzzo, però in tutta onestà non mi è dispiaciuto. Ha quest’aria da nerd, un po’ gigione, che mi ha conquistato. E poi mi è piaciuto come viene delineato il suo rapporto con Heatwawe. A essere sincero l’ho trovato molto più convincente qui di quanto non fosse in Arrow. L’unica cosa che lo penalizza è la riprovevole storia d’amore che gli hanno appioppato. Un improbabilissimo triangolo amoroso tra lui, Kendra e Carter che porca miseria non si regge, non porta assolutamente a nulla e sottrae solo prezioso minutaggio agli episodi. Per fortuna però questa love story non ha un peso particolarmente significativo all’interno della serie e viene facilmente messa in ombra da tutto il resto. Nel complesso, comunque, un personaggio che ho apprezzato.
SPOILER
No comunque, seriamente, vogliamo parlare della scena nella puntata 13 in cui inverte la polarità della tuta per diventare enorme e inizia a fare a pugni con il robot gigante? Cioè, dai, quanto cazzo è epica quella scena? Non si può non amarlo.
FINE SPOILER

lot_0_1431964464

E arriviamo ai miei due preferiti: Snart e Rory, che hanno il volto di Wentworth Miller e Dominic Purcell. Sono davvero strepitosi. Di tutto il cast sono sicuramente quelli più approfonditi, sia come caratterizzazione che come evoluzione nel corso della stagione. e l’alchimia che c’è tra loro è semplicemente perfetta.
SPOILER
Ci sono poi due cose sulle quali vorrei spendere due parole più nello specifico. In
primis devo dire che mi è piaciuto pareccchio il colpo di scena legato a Mick, quando si scopre che era lui Cronos fin dall’inizio. Non me lo aspettavo e mi ha sinceramente colto di sorpresa.
E poi, più importante, la morte di Snart alla fine della penultima puntata. Va da sè che mi è dispiaciuto enormemente per la sua dipartita. Tuttavia è altresì vero che ho apprezzato tantissimo quella scena. Prima di tutto, proprio il fatto che fosse uno dei miei personaggi preferiti le ha conferito una potenza drammatica incredibile. Secondariamente ho trovato che la scena in sè fosse ottimamente girata, con questo continuo cambio di personaggi nella posizione di chi debba sacrificarsi, che tiene sulle spine lo spettatore fino all’ultimo, e con la punch line da badass con cui Capitan Cold esce di scena. “There are no strings on me”. Fantastico!
FINE SPOILER

Troviamo poi Caity Lotz nei panni di Sara Lance. E’ un personaggio che apprezzavo già in Arrow e anche qui mi è piaciuta molto. E’ indubbiamente la più cazzuta del gruppo e generalmente le sue scene di combattimento sono le migliori da un punto di vista coreografico. Quindi pollice in su anche per la nostra White Canary. Si, anche lei è invischiata in una storia d’amore con Leonard. Allora, premettendo che io odio la componente sentimentale a prescindere, devo ammettere che in questo caso non è così insopportabile. Certo, se non l’avessero messa me ne sarei fatto una ragione, però è sempre meglio di quella schifezza di cui ho parlato poco sopra.

Il professor Stein e Jefferson, rispettivamente Victor Garber e Franz Drameh, li ho trovati anch’essi decisamente convincenti. Victor Garber è un attore eccezionale, lo adoro alla follia, e anche il buon Drameh se la cava più che bene. Anche nel loro caso l’alchimia tra i due personaggi è ottima e mi è piaciuto come è stato tratteggiato il loro rapporto mentore-discepolo. Riguardo al loro alterego, Firestorm, trovo invece che sia stato un po’ sottoutilizzato. Compare relativamente poco e nelle scene di combattimento in cui è coinvolto lo vediamo fare poco o nulla. Voglio dire, svolazza un po’ di qua e di là, spara due raggi di fuoco e stop. Non so, ho avuto la sensazione che non abbiano sfruttato al massimo le sue potenzialità.
SPOILER
Il princpale dubbio che avevo ogni volta che vedevo spuntare fuori Firestorm in tutto il suo fiammeggiante splendore, non solo qui ma anche in The Flash, era: “Si ok, è figo. Però è praticamente una copia carbone della Torcia Umana. Lo vedremo mai sviluppare i suoi poteri di trasmutazione della materia?”. Bè, perdindirindina, è proprio quello che accade nel finale di stagione. Inutile dire che quando l’ho visto trasmutare il fucile in sabbia e il meteorite in acqua, il nerd DC fag dentro di me ha esultato.
FINE SPOILER

DC-Legends-of-Tomorrow-1x12-Recensione-Last-Refuge-Review-VS-PilgrimLegends-of-Tomorrow-110

Infine mi sembra giusto spendere due parole sul cattivo, Vandal Savage, interpretato da Casper Crump. Mi è piaciuto. Intendiamoci, è un cattivo oltremodo pomposo e pacchiano, però Legends of Tomorrow è essa stessa una serie pomposa e pacchiana, quindi non avrei potuto desiderare niente di meglio. Allora, quasta versione del personaggio è praticamente un amalgama di due personaggi distinti dei fumetti: Hath-Set e lo stesso Vandal Savage. Questa cosa mi è sembrata… boh, okay. Cioè, non mi dà fastidio, però a questo punto, se volevano mantenere tutta la vicenda di Hawkman e Hawkgirl, perchè non mettere direttamente Hath-Set come villain? Immagino sia perchè Savage è un personaggio un pelo più conosciuto e volevano sfruttare la cosa. Dicevo, mi è piaciuto come cattivo anche per via dell’interpretazione dell’attore, che è molto caricata, con queste espressioni facciali esagerate e questo accento molto particolare (l’attore è danese), che però, nel contesto di un telefilm tamarro e sopra le righe come Legends of Tomorrow ci sta a pennello. E poi, diciamolo, ha un tema musicale fighissimo.

Ora, prima di salutarci, vorrei darvi le mie opinioni sul finale di stagione.
SPOILER
Anche il season finale non ha deluso le mie aspettative, soprattutto nella seconda metà dell’episodio, in cui Savage mette in atto il suo piano di annichilimento totale e abbiamo il confronto finale con le nostre Leggende. Anche qui, il suo piano diabolico è proprio una roba pacchiana da cattivo dei fumetti duro e puro. Far esplodere tre meteoriti thanagariani in tre epoche differenti per creare un paradosso in grado di far collassare l’intera linea temporrale (alè!!). Con spiegazioni molto approssimative su come ciò sia possibile, con una risoluzione della vicenda molto conveniente, glissando sul fatto che ucciderlo contemporaneamente in tre epoche diverse sia una contraddizione in termini e molte altre trashate di questo tipo. Ed è tutto bellissimo! Insomma, arrivati a questo punto chi ci bada più alla coerenza? Datemi gente che si saccagna di botte come se non ci fosse un domani e io sono beato.
E infatti il combattimento tra gli eroi che, a coppie, affrontano le tre versioni di Vandal Savage nelle varie epoche, con tanto di montaggio alternato, è parecchio figo (ma tra l’altro, solo a me ha ricordato lo scontro con H’el nella storia di Superman “Il Ritorno di Krypton?”).
E poi alla fine dell’episodio, quando tutto sembra essere tornato alla tranquillità, come un fulmine a ciel sereno arriva un’altra Waverider e ne esce Rex Tyler, aka Hourman, dicendo di essere un membro della Justice Socity of America venuto dal futuro. SBADABAM!!! A questo punto credo di essermi ribaltato dalla sedia. Porca miseria, nella seconda stagione introdurranno la Justice Socity of America! Cioè, vi rendete conto? Figata!!! Non vedo l’ora.
FINE SPOILER

Legends-of-Tomorrow-1x13-Leviathan-Recensione-Vandal-Cassandra-SavageDC-Legends-of-Tomorrow-1x12-Recensione-Last-Refuge-Firestorm

Va bene, basta. Ormai credo abbiate un’idea del mio indice di apprezzamento per questa prima stagione di Legends of Tomorrow. Per quanto mi riguarda è un prodotto molto valido. Estremamente leggero e caciarone come pochi ma se state cercando qualcosa di non troppo intellettuale, che vi consenta di spegnere il cervello abbacinandovi con scazzottate ignoranti, trame assurde e un pomposo sfoggio di effetti speciali non potete assolutamente lasciarvela sfuggire. Unica cosa, se non avete mai visto Arrow o The Flash, il mio consiglio è di recuperare prima quelle (di Arrow magari guardate solo le prime due stagioni, perchè quello che viene dopo fa cagare). E’ vero che la trama di fondo di LoT è comprensibile anche indipendentemente, però ci sono svariati rimandi alle altre serie CW che sarebbe un peccato non cogliere.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Serie TV e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a [SERIE TV] DC’s Legends of Tomorrow – Stagione 1

  1. Pingback: [SERIE TV] Arrow – Stagione 4 | Il favoloso blog di Marco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...