[SERIE TV] The Flash – Stagione 2

The-Flash-season-2-posterBen ritrovati, fedeli lettori. Dopo avervi allietati con la mia disamina della prima stagione di Legends of Tomorrow, eccomi qui a parlarvi della seconda serie CW supereroistica conclusasi di recente: The Flash. A questo punto voi potreste dirmi: “Ma Marco, sono passate già due settimane dalla messa in onda del season finale!”. Sapete una cosa? Avete ragione. Però io sono notoriamente pigro e in queste due settimane non ho avuto balle di mettermi a scrivere. Quindi l’articolo ve lo beccate adesso e zitti.

Ok, dunque, per quanto mi riguarda The Flash continua a dimostrarsi una serie di ottima qualità, seppure devo riconoscere che questa seconda stagione mi è sembrata a tratti un po’ più traballante rispetto alla prima. Se infatti mi è impossibile ricordare un solo episodio della prima stagione che non mi sia piaciuto, la seconda ha iniziato invece a propinarci qualche puntata dalla palese funzione di filler decisamente più dimenticabile, spesso con villain of the week molto poco incisivi. Un esempio su tutti è la puntata 2×21, The Runaway Dinosaur, che, a fronte della presenza di Kevin Smith alla regia, si è rivelata piuttosto deludente. Beninteso, gli episodi sottotono sono comunque sporadici e non influiscono più di tanto sulla resa complessiva della stagione.

La trama orizzontale, questa volta, ruota attorno allo scontro tra il nostro Velocista Scarlatto e il nuovo main villain della stagione, arrivato direttamente dall’universo parallelo di Terra-2: Zoom, anch’egli un velocista. Sul fronte dell’antagonista, dopo il già estremamente convincente Anti-Flash della prima stagione, hanno fatto di nuovo centro. Infatti Zoom è un cattivo davvero riuscitissimo; dotato di una presenza scenica imponente e minacciosa, malvagio fino al midollo ed estremamente carismatico. Inoltre, similmente a quanto fatto per l’Anti-Flash, gli autori sono riusciti a gestire alla perfezione il mistero che circonda la sua vera identità, imbastendo un intreccio di indizi, allusioni e mezze verità che tiene lo spettatore costantemente nell’incertezza. D’accordo, personalmente ho preferito il velocista di giallo vestito come nemesi per il nostro eroe, per via del suo essere subdolo e manipolatore, ma qui è questione di gusti.

Visto che ho menzionato Terra-2 direi di parlare di quella che è la novità più importante della seconda stagione di The Flash: l’introduzione del multiverso. Questa è senza dubbio una delle tematiche che più stanno a cuore ai fan dell’universo DC Comics ed è stata trattata all’interno della serie in modo davvero ottimo e rispettoso del materiale originale. Questo espediente, peraltro, consente il proliferare di tutta una serie di doppelgänger, malvagi e non, di personaggi che ben conosciamo, fornendocene una versione a dir poco insolita, se non addirittura distorta, che li fa risultare estremamente interessanti. Non voglio spoilerarli eccessivamente; farò solo l’esempio di Laurel Lance, la quale è probabilmente molto più convincente in una singola puntata qui di quanto non lo sia stata in quattro intere stagioni di Arrow. A proposito di multiverso, e nello specifico di Terra-2, devo fare una menzione d’onore per le puntate 2×13 e 2×14, che personalmente ho trovato tra le migliori di tutta la stagione.

02maxresdefault

Analizziamo ora i personaggi. Dunque, per quanto riguarda le vecchie conoscenze non intendo spendere molte parole, perchè bene o male li conosciamo già.

Grant Gustin si riconferma decisamente convincente nel ruolo del protagonista Barry Allen. Inoltre, in questa seconda stagione il suo personaggio affronta un ulteriore percorso di maturazione, che lo porta a una maggiore consapevolezza delle proprie capacità, e questo me lo ha fatto apprezzare particolarmente.
Cisco e Caitlin rimangono a mio parere due tra i migliori comprimari mai apparsi nella storia recente della tv e anche loro subiscono una certa evoluzione, lui attraverso la progressiva accettazione dei suoi poteri e del suo ruolo come Vibe, lei a causa della sua -oserei dire- traumatica vita sentimentale. Tutto ciò l’ho trovato molto interessante.
Joe è sempre il best buddy ever.
Iris è sempre inutile.

A metà strada tra vecchia conoscenza e new entry, troviamo poi il dottor Harrison Wells, in questo caso il doppione proveniente da Terra-2. Ecco, lui secondo me è la punta di diamante di tutto il cast. L’attore Tom Cavanagh è semplicemente strepitoso. C’è poco da fare, io lo adoro alla follia. Se già riusciva a rubare la scena nella prima stagione con la sua interpretazione del personaggio (cioè, in realtà era Eobard Thawne che si spacciava per Wells, ma vabbè, dettagli), qui a mio parere risulta ancora più convincente. A parte l’ottima interpretazione attoriale, trovo che il personaggio sia scritto in maniera molto efficace; cinico, scostante e risoluto, nasconde un’indole fondamentalmente buona, non disdegnando però di scendere a compromessi pur di proteggere chi gli sta a cuore. E poi, voglio dire, gli scambi di battute tra lui e Cisco sono qualcosa di impagabile.

king-shark-torna-nel-crossover-tra-arrow-e-the-flashcandice-patton-as-iris-west

Tra i nuovi arrivati abbiamo prima di tutto Jay Garrick, altro velocista proveniente da Terra-2. Allora, inizialmente non mi faceva nè caldo nè freddo, dato che in fin dei conti non fa quasi niente per tutta la prima metà della stagione, avendo perso, a suo dire, i poteri della velocità a causa di Zoom. Solo col progredire della trama diventa chiaro quale sia il suo ruolo e da quel momento, devo ammettere, assume tutt’altra valenza e risulta decisamente azzeccato.
Viene introdotto anche Wally West, che per ovvie ragioni anagrafiche in questa versione è il fratello di Iris, anzichè il nipote. All’inizio devo dire che non mi convinceva affatto, perchè trovavo che la sua caratterizzazione fosse oltremodo generica e la sua introduzione abbastanza frettolosa. Piano piano però ha iniziato a starmi simpatico e ora come ora lo considero, se non un personaggio accattivante, quanto meno tollerabile.
Abbiamo poi Jesse “Jesse Quick” Wells, figlia del buon Harrison. Mi è piaciuta l’attrice, sia come presenza estetica che come interpretazione, però a onor del vero non ha un gran peso all’interno della stagione. A parte fungere da espediente narrativo quando è prigioniera di Zoom, per il resto fa poco o nulla, se non gironzolare di qua e di là per i Laboratori STAR.
Infine vorrei spendere due parole su Patty Spivot, che comnpare solo per le prime puntate, ha una temporanea relazione con Barry e poi scompare completamente. Ora, chi segue i miei articoli da un po’ saprà che io odio le storie d’amore. Detesto la componente sentimentale in qualunque prodotto di intrattenimento. Tuttavia devo ammettere che Patty era un personaggio davvero riuscito. Mi piaceva parecchio e sorprendentemente anche la love story tra lei e il protagonista non era del tutto insopportabile. Nel senso, ne avrei fatto a meno ma se dobbiamo per forza sorbirci una storia d’amore, avrei preferito nettamente che Barry si bombasse Patty, piuttosto che quella sciacquetta di Iris.

The_Flash_suit_(Jay_Garrick)fghj

Bene, da questo punto in poi ho intenzione di parlare più specificamente di alcuni aspetti della stagione lasciando campo libero agli SPOILER. Se volete evitarli potete saltare all’ultimo paragrafo per le considerazioni finali.

Allora, non ho intenzione di star qui ad analizzare ogni singolo avvenimento più o meno importante di ogni singola puntata, perchè sarebbe un’operazione esageratamente lunga e francamente anche inutile. Mi limiterò a porre l’accento su quelli che ritengo più significativi.
Prima di tutto vorrei fare una menzione speciale alla puntata 2×11, in cui assistiamo al ritorno dell’Anti-Flash. Come avrete intuito leggendo l’articolo, lui è un villain che mi piace tantissimo; sicuramente uno dei miei preferiti quando si parla di trasposizioni live action di fumetti supereroistici. Quindi potrete ben comprendere la mia gioa nel vederlo ricicciare fuori.  Inoltre questo episodio è la cristallina dimostrazione di quanto la serie sia indissolubilmente legata alla logica del fumetto americano: non importa se un personaggio è morto, sepolto, smembrato, tritato a pezzettini o cancellato dalla linea temporale; si troverà SEMPRE il modo di farlo tornare. Tant’è vero che la spiegazione di come abbia fatto a tornare è una roba proprio tirata per i capelli. Ma ormai abbiamo capito che in The Flash le regole dei viaggi nel tempo sono quantomai malleabili e ci piace così.

Come non parlare poi della rivelazione che Zoom era in realtà Jay (o meglio, Hunter Zolomon) fin dall’inizio? Come ho detto poco sopra, gli autori sono riusciti ad ammantare il tutto con una patina di mistero ben congegnata che, a mio parere, fa risultare il twist particolarmente efficace. Anche la spiegazione di come facesse ad essere in due posti contemporaneamente mi è piaciuta. In effetti, col senno di poi, la trovata del time remnant era piuttosto banale, però ammetto che non ci avevo pensato.

Udite udite, sia Wally che Jesse vengono investiti da un’onda di energia della Forza della Velocità, il che lascia presagire una loro futura trasformazione in velocisti. Francamente non credo che lo diventeranno entrambi già nella prossima stagione, più probabile che lo faccia solo uno e solo in un secondo momento l’altro. La cosa comunque mi incuriosisce assai.

Barry-Allen-and-Patty-Spivot-In-The-Flashaa458d0bdb07004cdbc3b6094e6ae2d828ab6866_hq

E per concludere mi sembra giusto parlare del finale di stagione. Un finale che non eguaglia le incredibili vette raggiunte da quello della prima stagione ma ci va vicino. In più è pieno di strizzate d’occhio all’universo DC cartaceo. Tutta la scena della “gara” tra Flash e Zoom, con il time remnant di Barry che si sacrifica correndo attorno al macchinario è un chiaro omaggio a Crisi sulle Terre Infinite, in cui Flash si sacrificava in modo analogo per disabilitare il cannone di antimateria dell’Anti-Monitor. Vedere questo riferimento mi ha a dir poco esaltato e anche la scena in sè trovo che sia ottimamente girata e adrenalinica al punto giusto.
Altro momento che mi ha fatto rizzare le antenne è stato quando Zoom, ormai sconfitto, viene ghernito dalle Time Wraith e per un attimo lo vediamo trasformarsi in Black Flash, l’entità che nei fumetti ricopre il ruolo di Tristo Mietitore per coloro che sono legati alla Forza della Velocità. Questo mi fa supporre che lo rivedremo in futuro in tal veste, anche se dubito che sarà nella terza stagione.
Altra ovazione di giubilo quando l’uomo con la maschera di ferro viene finalmente smascherato e si rivela essere il vero Jay Garrick, che vediamo finalmente in tutto il suo splendore con tanto di costume, elmetto e volto gigione di John Wesley Shipp. Ho il sentore che sentiremo ancora molto parlare di lui, soprattutto dato che nella seconda stagione di Legends of Tomorrow introdurranno la Justice Society of America e sono molto curioso di vedere se e come ci faranno rientrare anche il nostro caro Jay.
E infine c’è il mega-cliffhanger della vita: Barry, devastato dalla morte del padre, ultima in una lunga lista di tragedie, decide di tornare indietro nel tempo e prevenire l’omicidio della madre. Direi che è palese cosa vogliono fare: Flashpoint. O comunque una storyline sulla falsariga di Flashpoint. Inutile dire che questo finale mi ha messo una curiosità mostruosa. Personalmente spero solo che non la risolvano nel giro di una puntata ma che la sviscerino per almeno una manciata di episodi, prima di ristabilire lo status quo. Inoltre viene da chiedermi, dal momento che la linea temporale è stata alterata, se ciò avrà ripercussioni anche sulle altre serie CW. Francamente ne dubito ma sperare non costa nulla.

zoom-flashthe-flash-the-flash-wally-west-the-flash

Quindi, questa era la mia disamina della seconda stagione di The Flash. In sintesi la mia opinione è che si tratti di un ottimo prodotto, che prosegue degnamente le avventure del nostro velocista preferito, pur non essendo priva di occasionali cadute di stile che la fanno risultare nel complesso leggermente inferiore alla stagione passata. Comunque sia, se siete fan della serie questa nuova iterazione vi soddisferà sicuramente e se non avete mai visto The Flash fino ad ora… bè, siete delle brutte persone e dovete rimediare quanto prima.

Annunci

3 Replies to “[SERIE TV] The Flash – Stagione 2”

  1. Devo ancora vedere l’ultimo episodio, quindi non ho letto fino in fondo il tuo post (ma la conclusione si) è sono d’accordo.
    La seconda stagione di Flash mi è piaciuta molto, più della prima, e Tom è sicuramente il miglior attore del cast.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...